INFORMAZIONI PARCO DELLA LAGA

 

Saucony Progrid Echelon 2016 Saucony Progrid Echelon 2 2016 Saucony Progrid Peregrine 2016 Saucony Progrid 3 2016 Saucony Progrid Paramount 3 2016

Il Parco Nazionale “Gran Sasso e Monti della Laga”, uno dei più vasti d’Europa, con i suoi 150.000 ettari, si estende da Nord a Sud, comprendendo 3 regioni, 5 Province, 45 Comuni e racchiudendo tre gruppi montuosi: la catena del Gran sasso, il Massiccio della Laga, i Monti Gemelli. I Monti della Laga formano una catena montuosa piuttosto lunga, con una sola linea di cresta, distesa per circa 30 km; le vette più alte da Nord a Sud sono: Macera della Morte (2073 m.), Pizzitello (2221 m.), Pizzo di Sevo (2419 m.), Cima Lepri (2445 m.) Pizzo di Moscio (2411 m.), Monte Pelone (2256 m.),Monte Gorzano (2458 m.), Cima della Laghetta (2369 m.). Questi monti possono essere considerati unici per le caratteristiche delle loro rocce e tra i più interessanti esempi per la loro bellezza, varietà e vastità di habitats naturali di tutta la catena appenninica, includendo elementi tipici delle Alpi. Il terreno, costituito prevalentemente da argilla e arenaria, permette, in virtù della sua impermeabilità, il mantenimento di un maggior grado di umidità, rispetto al calcare, facendone un sito molto diverso rispetto a tutte le altre montagne dell’Italia centrale, molto più aride e povere di acqua, soprattutto alle quote elevate. Queste caratteristiche del suolo determinano un manto vegetale erboso fin dalle pendici e lo scorrimento in superficie delle acque piovane e di disgelo, soprattutto in primavera, raccogliendosi in rivoli e fossi, precipitano a valle, formando splendide e suggestive cascate. Tra le più belle di questo versante troviamo la cascata delle Barche, delle Scalette e dell’Ortanza. Sembra che il toponimo “Laga” vada ricollegato proprio alla ricchezza idrica di questo comprensorio. Vi sono numerose specie di animali (camosci, caprioli, lupi, cinghiali, martore, donnole e lepri) e uccelli (aquile, falchi peregrini, picchi, palombi, passeri e fringuelli). La flora presenta numerose varietà (faggi, querce, castagni e aceri), che esprimono la loro bellezza, soprattutto in primavera ed estate con un’esplosione di colori molto suggestiva.